Categorie
psicologia

Giocare duro per ottenere: il succo

Diffondete l'amore
  • Giocare duro per ottenere può essere una tattica matematica
  • La compartimentazione della rappresentazione di sé si manifesta attraverso la tattica del "difficile da ottenere", come modo per far fronte o difendere il concetto di sé di una persona in ruoli diversi (ad esempio, madre, amante, collega) e per evitare ricadute negative tra i ruoli.

Motivi per cui qualcuno potrebbe fare il difficile

Avete incontrato una persona, che potrebbe anche essere la vostra anima gemella, siete andati d'accordo. Inviate un bel messaggio. Aspettate... e aspettate... e aspettate... Stanno facendo i difficili?

Non volete sembrare disperati, quindi fate finta di niente per un po'. Il giorno dopo, una risposta! Vorresti saltare in aria, ma riesci a mantenere la calma e ad aspettare un'altra ora prima di rispondere e il ciclo ricomincia da capo, ma questa volta non hai intenzione di cadere in questo vecchio trucco. Ti procuri un'altra persona, ci vai d'accordo e il ciclo si ripete. Vi suona familiare? Sembra che al giorno d'oggi tutti facciano i difficili. Ma qual è lo scopo? C'è qualche vantaggio nel fare i difficili?

Fare il difficile come tattica di accoppiamento

Secondo un articolo di Jonasan e Li (2013), fare i difficili può essere una tattica di accoppiamento.

Il gioco duro può essere fatto per testare l'impegno del nuovo potenziale compagno.

Fare il difficile comportandosi in modo impegnato e non disponibile può essere fatto anche per aumentare la richiesta di se stessi. La persona difficile da conquistare cerca di gonfiare il proprio valore e di aumentare la richiesta di sé e di far sì che i potenziali compagni la desiderino di più.

Secondo Jason e Li (2013) le persone che si considerano già "un buon partito" sono più propense a tentare la strategia dell'hard-to-get, che può essere indicativa di una personalità narcisistica e/o manipolatrice. (Da qui lo studio titolo!)

Tipico comportamento difficile da ottenere

Secondo Jonasan e Li (2013), si tratta di un comportamento tipico di chi fa il difficile e che sicuramente ha incontrato almeno una volta nella vita:

  • Impiegano molto tempo per rispondere ai messaggi e/o alle chiamate.
  • Flirtano ma si fermano improvvisamente
  • Parlare e flirtare con altre persone
  • Non condividono molte informazioni su di sé
  • Agire in modo impegnato
  • Mostrare interesse iniziale, ma lasciarlo svanire rapidamente.
  • Difficoltà a essere raggiunti via telefono, messaggi o social media

Giocare duro per ottenere come manifestazione di compartemtalizzazione della rappresentazione del sé

Un'altra ragione interessante, ancora non verificata, per l'utilizzo della strategia "hard to get" riguarda un approccio psicologico un po' più complesso. Il gioco duro come manifestazione di compartimentazione di auto-rappresentazione (come dire?).

Per arrivare a questo punto vi spieghiamo un po' come funziona!

Compartimentazione

Compartimentazione è una forma di meccanismo di difesa psicologica in cui pensieri e sentimenti che sembrano in conflitto vengono tenuti separati o isolati l'uno dall'altro nella mente.[1] Può trattarsi di una forma di lieve dissociazioneTra gli scenari esemplificativi che suggeriscono la compartimentazione vi sono l'agire in un momento isolato in un modo che logicamente sfida il proprio codice morale, o il dividere i doveri lavorativi spiacevoli dal desiderio di rilassarsi.[2] Il suo scopo è quello di evitare dissonanza cognitivaovvero il disagio mentale e l'ansia causati da una persona che ha al suo interno valori, cognizioni, emozioni, credenze, ecc. in conflitto tra loro". (Wikipedia, 2022)

Possiamo quindi vedere come la compartimentazione possa essere usata per comportarsi in certi modi. Un padre o una madre amorevoli che hanno segretamente una relazione. La relazione potrebbe essere vista come moralmente riprovevole, ma la compartimentazione permetterà alla persona che ha una relazione di comportarsi comunque, ad esempio, come un genitore e un coniuge amorevole e premuroso. Le connotazioni negative del ruolo di amante segreto non si ripercuotono necessariamente sugli altri ruoli della vita di quella persona.

Autopresentazione

La rappresentazione di sé o, in questo caso, il concetto di sé, è l'insieme delle credenze che una persona ha su di sé. In genere risponde alla domanda su chi una persona pensa di essere. Per esempio, una parte importante dell'autoconcetto di qualcuno potrebbe essere costituita dalla convinzione: "Sono un genitore amorevole".

L'auto-rappresentazione e il concetto di sé fanno generalmente parte di una moltitudine di aspetti di sé come l'autostima (ad esempio, mi sento bene ad essere un genitore amorevole), l'auto-conoscenza e l'auto-consapevolezza, che interagiscono per dare a una persona un'immagine mentale generalmente stabile di sé, di chi era e di cosa aspira a diventare in futuro.

Dissonanza cognitiva

Quando le persone assumono ruoli diversi, i valori e i codici morali legati al proprio concetto di sé possono scontrarsi con le azioni. Un genitore e/o un coniuge affettuoso potrebbero essere innamorati di un'altra persona e iniziare una relazione. Questo potrebbe portare a un grave stress psicologico. La percezione di informazioni contraddittorie (ad esempio, essere un coniuge amorevole) e avere una relazione è chiamata dissonanza cognitiva. Per ridurre questo stress psicologico, una persona farà di tutto per trovare un modo per conciliare le nuove informazioni (la relazione) con le precedenti convinzioni su di sé (essere un coniuge amorevole).

Meccanismi di difesa e di coping

Ora che abbiamo toccato i temi della compartimentazione, dell'auto-rappresentazione e della dissonanza cognitiva, farò un salto all'argomento in questione, il gioco duro.

Quando si adotta questo approccio, è necessario prendere in considerazione sia il concetto di meccanismi di coping che quello di meccanismi di difesa. La relazione tra meccanismi di difesa e meccanismi di coping è controversa. Come regola generale, i meccanismi di coping sono considerati come processi consapevoli e intenzionali (Cramer, 1998) e i meccanismi di difesa come modelli di risposte relativamente involontarie (Cramer, 2000).

I meccanismi di coping e di difesa sono stati analizzati in relazione a diversi sintomi e disturbi come la depressione, l'ansia o i disturbi di personalità (Vollrath e Torgersen, 1996). Questi meccanismi funzionano come una sorta di arma a doppio taglio. Meccanismi di coping inadeguati possono aumentare la vulnerabilità a lungo termine; il coping evitante, ad esempio, potrebbe aumentare i sintomi negativi (come l'ansia) in futuro (Felton e Revenson, 1984), ma i meccanismi di coping validi possono agire come fattore protettivo nella prevenzione dei sintomi negativi.

Compartecipazione all'auto-rappresentazione

Alla luce di ciò, sembra ragionevole affermare che le persone possono fare il gioco duro per preservare o difendere (in parte) alcune rappresentazioni (ruoli) di se stessi da esperienze romantiche potenzialmente negative come il rifiuto e il crepacuore, ma anche da impatti sociali negativi (un coniuge amorevole e premuroso che ha una relazione, un interesse universitario con una comunità religiosa di casa molto unita). Giocare duro può aiutare una persona a mantenere ogni ruolo ben separato dall'altro, minimizzando o prevenendo le ricadute negative e le loro conseguenze potenzialmente dannose per la mente.

Quali sono, secondo lei, le ragioni che stanno alla base del gioco duro?

A prima vista potrebbe sembrare facile individuare il motivo per cui qualcuno fa il difficile: sembra impegnato ad aumentare il suo valore, a far sì che qualcuno lo desideri di più. Ma se si guarda sotto la superficie, potrebbe esserci una pletora di motivi per cui qualcuno fa il difficile. A loro piace flirtare, sentirsi desiderati, ma non vorranno mai mettere a rischio la loro identità di coniugi amorevoli (ad esempio "l'altra donna o l'altro uomo") o di figli o figlie esemplari.

Cosa ne pensate? Condividete le vostre esperienze nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian